www.lotto sport e previsioni899 gratis.it

Reply

La Luna in Poesia...e... non solo...

« Older   Newer »
CAT_IMG Posted on 24/6/2012, 04:16 Quote
Avatar

Advanced Member

Group:
Member
Posts:
2,408

Status:


luna___

LA LUNA IN POESIA... IN MUSICA... E… NON SOLO…

Stavolta, mentre la tanto attesa estate
è esplosa all’improvviso
lasciandoci sorpresi per il caldo esagerato ed anticipato,
proseguendo nella trilogia astrale…,
dopo aver trattato il tema del sole,
parleremo del corpo celeste a noi più vicino...
il più romantico ed il più amato dai poeti…
LA LUNA.


frases-para-enamorar-madameluna

Perché si chiama così... e cosa significa?


Il termine Luna viene dal latino
(ma a sua volta deriva da lingue più antiche)
e significa "Luce riflessa"
mentre il suo nome in greco era Selene
e cioè "Splendente".


gif

Cosa ci fa compagnia nel cielo delle nostre notti
se non l’amica… direi di più… la sorella Luna
che pur cambia sempre… però la sua forma…
proprio come una donna per farsi bella
cambia sempre il suo vestito…?

Essa poi con i suoi cicli continui
influenza certo i mari… le piante…
ma forse anche i nostri pensieri e le nostre emozioni…


MoonFlip

Il bianco astro, con la sua luce notturna...
ed il suo giocar a rimpiattino col sole...,
ha da sempre affascinato l’umanità
e soprattutto i poeti… e gli innamorati...
come ci ricordano questi versi di Saffo

Tramontata è la luna
e le Pleiadi a mezzo della notte;
anche giovinezza già dilegua,
e ora nel mio letto resto sola.
Saffo


buzz-aldrin-astronaut-pilot--large-msg-114175779726-2

Certo la sua conquista da parte dell’Uomo
le ha fatto perdere un pò del suo affascinante mistero…
ma essa parla ancora ai nostri cuori…


moonmoonmoon

A GIORNI ALTERNI…
Maria Luisa Spaziani

A giorni alterni sono io la luna
e tu l’immensa terra che mi attira,
e questa notte tu, tu sei la luna
- io ti tengo al guinzaglio -
so che mi stai sognando, mi accarezzi,
i globuli lo sanno del mio sangue,
ogni mio nervo teso come un arco
o un’arpa eolia che vibra al respiro.


CANZONE
Jimenez

Quando le tue mani erano luna,
colsero dal giardino del cielo
i tuoi occhi, violette divine.
Che nostalgia, quando i tuoi occhi
ricordano, di notte, il loro cespo
alla luce morta delle tue mani!
Tutta la mia anima, col suo mondo,
metto nei miei occhi della terra,
per ammirarti, moglie splendida!
Non incontreranno le tue due violette
il leggiadro luogo a cui elevo
cogliendo nella mia anima l’increato?


PLENILUNIO
Charles Baudelaire

Nei suoi sogni la luna è più pigra, stasera:
come una bella donna su guanciali profondi,
che carezzi con mano disattenta e leggera
prima d’addormentarsi i suoi seni rotondi,
lei su un serico dorso di molli aeree nevi
moribonda s’estenua in perduti languori,
con gli occhi seguitando la apparizioni lievi
che sbocciano nel cielo come candidi fiori.
Quando a volte dai torpidi suoi ozi una segreta
lacrima sfugge e cade sulla terra, un poeta
nottambulo raccatta con mistico fervore
nel cavo della mano quella pallida lacrima
iridescente come scheggia d’opale.
e, per sottrarla al sole, se la nasconde in cuore.


POTESSERO LE MIE MANI SFOGLIARE
Federico Garcia Lorca

Pronunzio il tuo nome
nelle notti scure,
quando sorgono gli astri
per bere dalla luna
e dormono le frasche
delle macchie occulte.
E mi sento vuoto
di musica e passione.
Orologio pazzo che suona
antiche ore morte.
Pronunzio il tuo nome
in questa notte scura,
e il tuo nome risuona
più lontano che mai.
Più lontano di tutte le stelle
e più dolente della dolce pioggia.
T’amerò come allora
qualche volta? Che colpa
ha mai questo mio cuore?
Se la nebbia svanisce,
quale nuova passione mi attende?
Sarà tranquilla e pura?
Potessero le mie mani
sfogliare la luna!
Non voglio mica la luna


ALLA LUNA
Giacomo Leopardi

O graziosa luna, io mi rammento
che, or volge l’anno, sovra questo colle
io venia pien d’angoscia a rimirarti:
e tu pendevi allor su quella selva
siccome or fai, che tutta la rischiari.
Ma nebuloso e tremulo dal pianto
che mi sorgea sul ciglio, alle mie luci
il tuo volto apparia, che travagliosa
era mia vita: ed è, nè cangia stile
o mia diletta luna. E pur mi giova
la ricordanza, e il noverar l’etate
del mio dolore. Oh come grato occorre
nel tempo giovanil, quando ancor lungo
la speme e breve ha la memoria il corso
il rimembrar delle passate cose,
ancor che triste, e che l’affanno duri!


817307er8ki4mn3q817307er8ki4mn3q817307er8ki4mn3q

fonte...http://mailbeta.libero.it


" title


" title



uuhhg

X0Ut9

umrCE


2t8sM
 
PM   Email   Top
0 replies since 24/6/2012, 04:16
 
Reply